Naya Rivera è annegata per salvare il figlio di 4 anni

14 lug 2020

Non un suicidio né tantomeno un atto di imprudenza. Naya Rivera, l’attrice, ex protagonista di Glee, ha perso la vita per salvare quella del figlio di quattro anni. Sono queste le conclusioni dello sceriffo della contea di Ventura, in California, a capo delle indagini. La donna è annegata nel lago Piru. Dopo giorni dalla scomparsa, è stato ritrovato il corpo, ora in attesa di autopsia. La trentatreenne ha usato tutte le sue forze per riportare il bimbo sulla barca noleggiata per una gita. Poi, stremata, non è riuscita a risalire. Il piccolo è stato ritrovato infatti solo e addormentato sull'imbarcazione. Un cast non fortunato quello della serie Glee. Sempre a luglio, ma di sette anni fa, moriva, stroncato da un mix di alcol e farmaci, Cory Montheit; nel 2018 MarK Salling si è tolto la vita per una brutta storia di pedopornografia e per i social si tratta della maledizione di Glee.

pubblicità

Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui.