Virus, le varianti del Covid: dalla Alpha alla Omicron

27 nov 2021

L'ultima si chiama Omicron, ma le cosiddette varianti del SARS-CoV-2 sono moltissime. Questo perché il virus, come gli altri, ha continuato e continua a mutare. La variante che si sta diffondendo soprattutto in Sudafrica, è stata classificata dall'Organizzazione Mondiale della Sanità come variant of concern, cioè variante di preoccupazione. In questa categoria rientrano anche l'Alfa, la Beta, la Gamma e la Delta. La variante Alfa è quella che secondo gli esperti ha avuto origine in Inghilterra e per questo in un primo momento era stata definita variante inglese. È stata la prima a preoccupare la comunità scientifica per le numerose alterazioni che venivano evidenziate a livello genetico. Secondo i dati presentava da subito una maggiore contagiosità e proprio la sua diffusione ha determinato un aumento nel numero dei casi nello scorso inverno. Variante Beta, individuata a fine 2020 in Sudafrica, anche questa presentava una maggiore trasmissibilità. A gennaio 2021 a Tokyo gli scienziati sequenziarono i primi casi di variante Gamma, proveniente dal Brasile. Queste ultime due non hanno circolato molto in Italia al contrario della variante Delta, cosiddetta indiana, che è stata scoperta nel paese e si è diffusa in tutto il mondo, in un primo momento soprattutto nel Regno Unito. Questa variante è diventata rapidamente quella prevalente e ha soppiantato l'Alfa. Ci sono poi la variante Eta, Epsilon, Lambda, Mu e ora la Omicron. Su quest'ultima i dati Sono ancora troppo pochi per valutarne l'eventuale maggiore pericolosità. A preoccupare è anche in questo caso l'altro numero di mutazioni che presenta, che potrebbero renderla più trasmissibile e capace di eludere la copertura immunitaria fornita dai vaccini.

pubblicità
pubblicità
SCOPRI VOICE
SCOPRI VOICESCOPRI VOICE
Attualità, inclusion, sostenibilità, diritti. Raccontiamo il cambiamento, un video alla volta. Scopri Voice, il nuovo progetto editoriale di Sky Tg24
GUARDA ORA