Ordinanza Figliuolo su vaccini: priorità over 80 e fragili

10 apr 2021

Adesso e nero su bianco scritto in un'ordinanza che vale a livello nazionale, cioè senza che ogni Regione si arrangi a trovare i criteri suoi. Il Commissario straordinario Figliuolo ha firmato il documento che specifica le priorità per le vaccinazioni, come auspicato e indicato anche dal Presidente del Consiglio Draghi e il criterio è elencato nell'ordinanza in modo schematico è questo: Priorità per le persone sopra gli 80 anni. Poi coloro che hanno elevata fragilità e, ove previsto, i loro familiari e chi si occupa di loro. Dopo si passa alla fascia fra i 70 e i 79 anni. Ancora dopo i cittadini fra i 60 e i 69 anni, è viene specificato che per tutte queste fasce dovrà essere utilizzato prevalentemente il vaccino Vaxzevria, il nuovo nome di quello a tutti noi noto come AstraZeneca, che le ultime indicazioni suggeriscono di indirizzare soprattutto alle fasce over 60 appunto. Figliuolo conferma poi che in parallelo prosegue la vaccinazione del personale sanitario in prima linea per l'emergenza virus e a seguire delle altre categorie considerate prioritarie dal Piano Vaccinale, come ad esempio quella degli insegnanti, all'interno delle quali categorie varrà comunque il criterio delle fasce anagrafiche. In ultimo una rassicurazione importante per chi fra gli under 60 abbia già fatto la prima dose di AstraZeneca, l'ordinanza chiarisce che chiunque abbia fatto la prima dose con questo vaccino, quindi anche chi è più giovane, può completare il suo ciclo con lo stesso vaccino.

pubblicità
pubblicità